Promuovere il talento, un fattore chiave che fornisce un vantaggio competitivo in azienda

Promuovere il talento, un fattore chiave che fornisce un vantaggio competitivo in azienda

La capacità di sfruttare il talento all'interno dell'azienda è uno degli indicatori più chiari del successo a lungo termine di un'azienda. Tuttavia, molti imprenditori incontrano difficoltà nell'identificare, promuovere o conservare le competenze dei loro dipendenti. Questo non si risolve semplicemente con una migliore retribuzione, una retribuzione variabile o nuove prestazioni sociali. È necessario imparare a guidare il talento in modo da canalizzare e motivare le capacità innate di ogni dipendente.

 

Negli ultimi anni, CEDEC è diventato un partner essenziale per migliaia di imprenditori in tutta Europa. L'obiettivo è quello di aiutare le aziende a raggiungere l'eccellenza imprenditoriale nella gestione del personale.

 

In questo senso, i professionisti di CEDEC possono aiutare l’imprenditore a definire una leadership che promuova e liberi il talento presente in ciascuno dei suoi collaboratori. Qualcosa che permetterà all'azienda di avere un importante vantaggio competitivo, aumentando la produttività e le prestazioni del business.

 

Di seguito sono riportati 5 punti chiave da considerare per favorire il talento in azienda.

 

1. Comunicare e trasmettere la politica aziendale

 

La politica aziendale non comprende solo le regole, ma definisce anche la filosofia aziendale che ne costituisce l'identità, compresi aspetti quali i valori aziendali, gli impegni sociali, il rapporto con l'ambiente, il contributo alla società, i criteri di responsabilità, i profili di competenza, la trasparenza, ecc.. Una volta definita la politica aziendale, essa deve essere condivisa e diffusa in modo appropriato, soprattutto quando nuovi dipendenti entrano in azienda, ad esempio attraverso un documento di benvenuto.

 

La politica aziendale deve essere sufficientemente flessibile per adattarsi ai cambiamenti che la società e il mercato richiedono e, naturalmente, la politica aziendale deve essere accettata e applicata da tutti i collaboratori dell'azienda, in modo che si identifichino con i suoi valori e la sua cultura.

 

2. Prestare la massima attenzione alla selezione del personale

 

Spesso non si presta sufficiente attenzione alla selezione del personale, un errore che ha sempre il suo prezzo. Il primo passo è pensare a quale posizione si vuole ricoprire e quali competenze il professionista dovrebbe avere. Sapendo questo, deve essere specificato nell'offerta di lavoro, che deve essere molto chiara, e deve includere i seguenti elementi:

 

• Una presentazione completa dell'azienda: la sua storia, i suoi valori, il mercato al quale si rivolge e il quadro d'azione, nonché le politiche sociali, ambientali e di assunzione.
• I requisiti per il candidato: formazione, esperienza richiesta, competenze specifiche ed essenziali.
• Le responsabilità da ricoprire nel ruolo.
• La remunerazione, con menzione del piano di carriera.

 

In altre parole, l'obiettivo non è quello di creare un'offerta che sia il più attraente possibile, ma che sia il più vicino possibile alle esigenze e alla realtà dell'azienda. In questo modo sarà più facile trovare il talento giusto.

 

• Curare i colloqui

 

I colloqui con i candidati hanno lo scopo di determinare e individuare le attitudini, nonché l'allineamento con i valori dell'azienda e la vocazione professionale del candidato. È quindi essenziale determinare le ambizioni e le motivazioni personali e professionali del candidato, per verificarne l'allineamento con gli interessi aziendali.

 

La responsabilità richiesta, gli obiettivi della posizione, il controllo del livello di performance, il sistema di remunerazione, il piano di carriera proposto, l'applicazione dei benefici proposti dall'azienda, la partecipazione alla politica aziendale e la diffusione dei valori in essa contenuti devono essere chiaramente dettagliati. Questi ultimi aspetti sono fondamentali, dato che il più importante ambasciatore di un'azienda è un collaboratore soddisfatto.

 

• Promozione dell'ambiente di lavoro

 

Dobbiamo costruire un ambiente di lavoro che favorisca lo sviluppo dei talenti, dove pensare e proporre nuove idee non si scontri con ostacoli culturali o organizzativi. Le limitazioni allo sviluppo dei talenti dovrebbero essere minime e le strutture dovrebbero essere massimizzate. Il datore di lavoro e il suo team più vicino devono guidare l'empowerment del talento all'interno di un'azienda organizzata, con idee chiare, con una strategia chiaramente definita in cui quel talento ha un posto.
L'ambiente di lavoro non può essere lasciato al caso, poiché l'improvvisazione organizzativa non porta ad altro che frustrazione. Pertanto, la pianificazione deve essere una parte importante della strategia che aiuta a rafforzare il talento. A questo punto è importante citare le risorse necessarie: strumenti, metodologie, cicli di formazione, forum di partecipazione e di incentivazione, politiche di conciliazione. In altre parole, ambienti amichevoli e produttivi che permettono al dipendente di dedicare il massimo del tempo allo sviluppo delle responsabilità, al raggiungimento degli obiettivi per cui è stato assunto, nonché di creare un sistema che permetta la canalizzazione di idee e proposte.

 

• Offrire strumenti per lo sviluppo professionale

 

Il talento deve essere coltivato, promosso, incoraggiato e, naturalmente, guidato. Abilità professionali senza controllo, senza scopo, portano solo al disincanto. Pertanto, gli elementi necessari devono essere generati laddove lo sviluppo di tale talento ha un posto. Solo in un'azienda con idee chiare, condivise, divulgate, dove l'accoglienza delle proposte è ben accolta e grata, il talento ha il suo posto. L'esempio migliore è senza dubbio la formazione, la crescita della conoscenza, i benefici che porta al dipendente e il modo in cui questo ritorna in azienda, aumentando le prestazioni e sviluppando il senso di appartenenza.

 

In sintesi, se vogliamo un futuro di successo in azienda dobbiamo riflettere sugli strumenti e sulle azioni che contribuiranno a una leadership competente e alla valorizzazione del talento di ogni collaboratore. Il supporto di esperti esterni può aiutare a trovare la strategia più efficace per raggiungere l’obiettivo.

 

In CEDEC, società di consulenza per l’organizzazione strategica delle imprese, leader in Europa nella gestione, direzione e organizzazione delle aziende familiari dal 1965; l’obiettivo è quello di rendere i sistemi organizzativi più efficienti, ottimizzando i risultati di business e lavorando insieme all’imprenditore per raggiungere l'eccellenza imprenditoriale.

 

Design by IDWeaver