Marketing Strategico e nuovi strumenti

Negli ultimi anni si assiste alla fioritura di una serie di strumenti di legati allo sviluppo di Internet ed alla sua diffusione sempre più capillare. Il canale comunicativo rappresentato dalla rete offre molte opportunità alle aziende ed in particolare rappresenta lo strumento a minor costo a disposizione delle PMI per raggiungere i potenziali clienti ovunque nel mondo. Ma quali sono le opzioni migliori nella marea di possibilità presenti e come individuarle?

Per rispondere a queste domande bisogna tornare ai concetti fondamentali del marketing strategico, in questo caso. Supponiamo dunque che i prodotti o servizi che intendiamo proporre siano stabiliti e che ne conosciamo bene costi, caratteristiche, vantaggi competitivi, target di mercato. Se invece, non siamo in grado di esprimere chiaramente tali elementi dobbiamo fare un passo indietro e tornare alla “partenza” del processo di marketing. Val la pena di sottolineare come una riflessione più accurata su questi punti permetta di procedere in modo molto più consapevole e mirato, di impostare azioni e di ottenere risultati molto più coerenti con la strategia aziendale. Al contrario, iniziare ad utilizzare internet sulla base delle sensazioni o perché lo fanno tutti può riservare spiacevoli sorprese alla resa dei conti (e lo stesso vale per ogni altro strumento di marketing: pubblicità, prezzo, promozioni, partecipazione e fiere ed eventi, ecc.).

Ma ipotizziamo di partire da una base sufficientemente solida in termini di individuazione del mix prodotti/mercati e dei relativi segmenti: si pone ora la domanda relativa a come utilizzare al meglio il canale web e qui si scatena una girandola di definizioni e di proposte che ci danno l’impressione a volte di trovarci di fronte ad eruditi ricercatori ed altre davanti ad imbonitori da sagra paesana. Spesso vengono presentati con denominazioni altisonanti o estemporanee concetti molto semplici e di facile valutazione critica, che tuttavia, espressi in modo ermetico, creano la sensazione di trovarsi di fronte alla formula magica in grado di generare vendite e risultati mai visti prima.

Avrete probabilmente sentito menzionare o letto da qualche parte i seguenti termini: Guerrilla marketing, SEO marketing, Content marketing, Viral marketing, Social marketing, relationship marketing, ecc. Si tratta di definizioni che si riferiscono tutte ad alcuni aspetti dell’impiego di internet o di tecnologie legate a sistemi di trasmissione wireless ai fini di entrare in contatto con il potenziale cliente.

Fondamentalmente però la scelta di una metodologia piuttosto che un’altra o l’individuazione del loro mix più efficace si basa sulla definizione degli obiettivi che vogliamo raggiungere: far conoscere il prodotto? Far conoscere l’azienda? Verificare il giudizio o il comportamento di un segmento di mercato? Creare relazioni? Diffondere valutazioni positive da parte di clienti acquisiti verso potenziali clienti? Queste sono le riflessioni basilari ed indispensabili per poter accedere in modo positivo all’attuazione di specifiche attività di marketing in rete.
Concludiamo notando che il complemento naturale di queste attività, ovvero l’acquisto diretto via web (e-shopping o e-commerce) richiede un ulteriore livello di preparazione, legato all’efficienza logistica ed alla distribuzione fisica che, nel caso di prodotti industriali B2B, può rappresentare un’area di impegno aziendale non secondaria.

Design by IDWeaver